Post pubblicati in 'Voli'

Il Catering per le Compagnie Aree

mar 07, 2010 in Voli

Mi è capitato spesso di pensare a cosa possa significare per una grossa compagnia aerea gestire quei pasti che ogni giorno, in ogni volo, vengono poi serviti a bordo.

Da quando esistono le compagnie aeree low cost, capita sempre meno spesso di consumare pasti a bordo di un aereo, ma non dimentichiamoci che continuano ad esistere un sacco di voli di medio e lungo raggio, e poi esistono anche la business e la first class, dove vengono servite delle prelibatezze.

Da mesi porto nella mia valigetta un magazine di Lufthansa, che trovai a bordo di uno dei voli del 2009. Finalmente riesco ora a riportare i numeri che avevo trovato lì riportati sul servizio di catering della LSG Sky Chefs dell’aeroporto di Francoforte. Si tratta quindi di numeri non proprio aggiornati, ma leggete qui:

LSG produce più di un milione di pasti al giorno, ed è pronta ad esaudire anche esigenze particolari come il vegetariano, a basso contenuto di sodio, o altro.

Nella sede di Francoforte lavorano 2400 persone che provengono da 70 Paesi diversi. Tra loro ci sono 71 cuochi, 17 panettieri, e 361 autisti di quei mezzi particolari che si sollevano da terra per caricare gli aerei.

Alcuni altri numeri giornalieri della sola sede di Francoforte:

- 500 bottiglie di Champagne;
- 24000 bottiglie di birra;
- 60 chili di Gamberoni;
- 440 chili di formaggio a fette;
- 150 dosi di caviale;
- 36000 porzioni di burro.

L’avreste mai detto?

Come monitorare un volo online

feb 13, 2010 in Viaggi, Voli

Un rapido post dedicati agli amanti del volo, degli aerei e degli aeroporti. Ecco presentati di seguito alcuni siti dedicati al Flight Tracking.

Casper

Casper

Casper per il momento mostra solamente i voli che si trovano nei pressi dello spazio aereo Olandese. Peccato, perchè in quello spazio aereo è possibile vedere ciò che succede con un ritardo di 15 minuti circa.

Vengono mostrati i codici identificativi del volo, è possibile monitorarne l’altitudine come anche la tipologia (incoming, outcoming o transito, sempre rispetto all’Olanda).

Tracking di voli

Flight Aware

FlightAware

Flight Aware è invece dedicato solo al traffico aereo sui cieli degli Stati Uniti. E’ possibile segmentare la propria ricerca per compagnia aerea:

Tracciato voli American Airlines

Oppure per tipologia di aereo:

Tracciare modello di aereo

Come anche per aeroporto di competenza:

Tracciato voli su Los Angeles

La grafica è meno accattivante rispetto a Casper ma è uno strumento sicuramente utile per monitorare un volo sui cieli degli USA.

FlightStats

flightstats

FlightStats è sicuramente il meno accattivante dal punto di vista grafico perchè le informazioni non vengono generalmente presentate con l’ausilio di una mappa. In ogni caso fornisce invece un set di informazioni a livello mondiale e non, come i primi due, limitato ad una particolare area geografica. E’ possibile segmentare le informazioni relative ad un aeroporto in particolare, oppure ad un particolare volo.

FlightView

header-flightview-logo

Per utilizzare al meglio FlightView è necessario conoscere il volo di cui si vuole avere il tracking. In questo caso le informazioni sul volo vengono presentate così:

Tracking di un volo

[Video] Traffico Aereo Mondiale in 24 ore

gen 03, 2010 in Viaggi, Video, Voli

Questo video, a quanto pare, è stato uno dei siti più segnalati nel popolare sito di social bookmarking StumbleUpon. Lo riprendo in My Way perchè lo trovo davvero affascinante. Notate le fasce orarie in cui si verifica una sorta di migrazione dagli Stati Uniti all’Europa prima…e viceversa dopo. Incredibile.

E cosa dire di ciò che vola sopra agli Stati Uniti stessi!?

Il Club IlMilione dell’aeroporto di Venezia: sempre più caro

nov 14, 2009 in Viaggi, Voli

club ilmilione

Sono un “socio” del Club Il Milione dell’aeroporto di Venezia praticamente da quando è nato. Il Club offre ai frequent traveller che usano l’aeroporto di Tessera quale punto di partenza la possibilità di avere accesso a sconti o servizi dedicati all’interno della struttura aeroportuale e non solo. Per accedere al club vi sono sostanzialmente due modi:

a) Totalizzare un certo numero di punti viaggio all’interno di un anno solare. Le partenze con volo nazionale contano 1 punto, quelle con volo internazionale 1,5 punti;

b) Pagare una somma a copertura dell’iscrizione a club. Parte di tale somma può anche andare a coprire i punti volo mancanti nel caso non si siano potuti realizzare tutti quelli necessari ad accedere gratuitamente al Club.

Se potessi parlare con il responsabile di questo programma, avrei piacere di fargli presente alcuni spunti che potrebbero a mio avviso renderlo incredibilmente più valido. Magari avrà accesso a questi contenuti, quindi provo a farlo pubblicamente.

Innanzitutto non si spiega, agli occhi di noi viaggiatori, perchè il numero di punti viaggio (e di consegueza l’ammontare economico necessario ad acquistare la membership) sono letteralmente esplosi in soli due anni a parità di servizi offerti: due anni fa servivano 20 punti volo o €200,00 per accedere al club. Per avere la membership nel 2010 serve totalizzare nel corso del 2009 ben 25 punti volo (25% in più) o €350,00 (75% in più).

Se questo è dovuto ad un aumento del numero di viaggiatori che riescono ad accedere al programma, perchè non segmentarli come fanno tutti i programmi frequent flyer del mondo nei più classici “basic, gold, premium“, differenziando i servizi ed i vantaggi offerti alle diverse tipologie di membership?

Perchè poi vengono attribuiti gli stessi punti volo tra biglietti in economy class e business? Capisco che per quello che può essere l’indotto creato da un passeggero che parta da Venezia non faccia molta differenza la classe nella quale viaggerà, ma non penso sia nemmeno giusto prescindere dal fatto che l’esperienza volo e l’esperienza aeroporto non siano così lontane nella percezione di chi viaggia. Dico questo contro i miei interessi, intendiamoci: quest’anno sono partito da Venezia con un biglietto di business solo 2 volte.

Altra cosa: possibile che alla fine del 2009, dopo che una membership costa 350 Euro (significa cioè almeno 14 Euro per ogni volta che vengo in aeroporto), nella lounge devo pagare una connessione Wi-Fi?

Ed ora il parcheggio. Apprezzata la possibilità di parcheggiare nei pressi dell’aerostazione nell’area dedicata ai soci IlMilione, ma possibile che sia una delle pochissime aree dove non c’è un minimo di tettoia a protezione delle vetture? Non dovrebbe essere il parcheggio dei vostri migliori clienti?

Nessuna polemica, intendiamoci. Mi piacerebbe solo partecipare, da viaggiatore, allo sviluppo del programma affianco a chi ne è responsabile :) .

[Video] Emirates: Suite di Prima Classe

ott 28, 2009 in Viaggi, Video, Voli

Emirates

Si è trattato in assoluto del miglior volo della mia vita. Avevo visto in foto e sentito parlare di queste suite ma provate dal vero sono incredibili.

Tra le dotazioni:

schermo 23″ touch screen
poltrona con massaggi in diversi punti che si reclina fino a diventare un letto (scompaiono anche i braccioli ed il letto te lo prepara la hostess)
mini bar
angolo creme per viso e corpo
set personale che va dal pigiama ad un beauty case con dentro prodotti di Bulgari
kit per la corrispondenza (carta da lettere, buste e penna)
chiusura elettronica dei 3 finestrini a disposizione

La scelta dei vini e del menu è davvero notevole (dal Dom Perignon a Chateu francesi eccellenti) e quando si vuole privacy basta chiudere le porte scorrevoli della suite sfiorando il pannello di controllo con un dito.

Si può mangiare in qualsiasi momento e scegliere dal menu a la carte cosa chiedere alle hostess.

Quando è previsto che si dorma il soffitto si illumina di led a simulare il cielo stellato, mentre quando si fa colazione in sottofondo si sentono cantare degli uccellini.

Senza contare che volando in First Class od in Business Emirates prevede un servizio gratuito di trasporto con autista da casa all’aeroporto e viceversa.

Fantastico.

Prezzo? Mille Euro in meno di quanto pagammo lo stesso itinerario con Lufthansa in Business circa 12 mesi fa. Paragone? Inutile…